SCUOLA


Con la ministra incontro interlocutorio, pronti a rilanciare la mobilitazione
se non si attuano subito le intese

 Si è svolto questa mattina al Ministero di viale Trastevere il primo incontro tra la neo ministra dell’istruzione, Lucia Azzolina, e i sindacati rappresentativi del comparto.
Si è trattato sostanzialmente di una prima presa di formale contatto, nel corso della quale le organizzazioni sindacali hanno comunque sollecitato la nuova titolare di viale Trastevere a riavviare con la massima urgenza il percorso di attuazione degli impegni concordati in sede di conciliazione fra sindacati e MIUR il 19 e 20 dicembre scorso.

Al riguardo la ministra Azzolina ha assicurato che a breve saranno avviati i tavoli tecnici e politici, pur facendo presente la necessità di una verifica politica con le forze di maggioranza su alcune delle questioni sul tappeto, in particolare per quanto riguarda le soluzioni da adottare a regime su reclutamento e abilitazioni.
Le organizzazioni sindacali attendono, dunque, a strettissimo giro la convocazione dei tavoli di confronto previsti dai verbali di conciliazione.

Se non ci saranno risposte sul merito delle questioni poste riprenderemo le iniziative di mobilitazione in precedenza sospese.

 

Roma, 22 gennaio 2020

Flc CGIL

CISL FSUR

UIL Scuola Rua

SNALS Confsal

GILDA Unams

Francesco Sinopoli

Maddalena Gissi

Giuseppe Turi

Elvira Serafini

Rino Di Meglio

 

 *    PRIMO INCONTRO DEI SINDACATI CON IL MINISTRO AZZOLINA

Il primo incontro tra il Ministro Azzolina e i sindacati, svoltosi in data odierna al Miur, è stato di carattere interlocutorio. I Segretari Generali dei sindacati hanno esposto le problematiche che attendono risposte urgenti ed il Ministro ha illustrato le linee generali del lavoro che sta svolgendo il Dicastero di viale Trastevere, in fase di riorganizzazione amministrativa a seguito della separazione dell’Istruzione dai settori dell’Università e della Ricerca, dei quali è stato nominato ministro Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università Federico II di Napoli e presidente della CRUI.

 La delegazione dello Snals-Confsal e i principali nodi da sciogliere

Il Segretario Generale Elvira Serafini, accompagnata dal Vice Segretario Generale vicario, Irene Tempera, e dal componente di Segreteria generale, Giuseppe Antinolfi, nel suo intervento ha posto l’accento sui principali nodi da sciogliere: rinnovo del contratto di lavoro, emanazione dei bandi del concorso ordinario e di quello straordinario, nuovo sistema per le abilitazioni, passaggio degli amministrativi facenti funzione nel ruolo dei DSGA, problemi degli insegnanti di religione, mobilità (va riaperto il confronto in merito ai vincoli e blocchi, come quello della permanenza quinquennale sulla sede di prima assegnazione dei docenti neo immessi in ruolo). “La conciliazione del 19 dicembre sottoscritta con il Ministro Fioramonti - ha proseguito Serafini - prevedeva, l’apertura di appositi tavoli che fin dai primi di gennaio avrebbero dovuto iniziare a lavorare sulle suddette questioni. Occorre, quindi dare il via tempestivamente a questi tavoli, cominciando da un’opportuna calendarizzazione dei lavori e operando insieme, Amministrazione e sindacati, sulla base del rispetto e della correttezza delle relazioni sindacali”.

 Gli impegni del Ministro

Il Ministro, nella sua replica, ha assicurato che il lavoro, dopo la fase riorganizzativa, è ripreso a pieno ritmo. I bandi di concorso, ordinario (24 mila posti), e straordinario per la secondaria di primo e secondo grado (24mila posti) sono ormai in dirittura d’arrivo. Il bando per il concorso ordinario su infanzia e primaria è pronto, va rivista soltanto la tabella dei titoli, per dare più valore al servizio.

Va predisposto, inoltre, il bando di concorso per i docenti di religione. Si sta lavorando alacremente anche sul sistema di accesso e di abilitazione all’insegnamento, con l’obiettivo di dare al Paese un modello di reclutamento stabile e di qualità.

 Le richieste urgenti dello Snals-Confsal

Lo Snals-Confsal chiederà che vengano affrontate e risolte le seguenti criticità che al momento si appalesano come le più urgenti:

 1)   Per quando è prevista la pubblicazione dei bandi del concorso ordinario e straordinario della secondaria, del concorso ordinario dell’infanzia e della primaria, del concorso ordinario dei docenti di religione cattolica e del V ciclo del TFA per il sostegno;

2)   chiarimento sul possesso dei 24 CFU per l’ammissione degli ITP al V ciclo del TFA per il sostegno;

3)   chiarimenti sul requisito dei 24 cfu per i prossimi inserimenti in terza fascia di istituto;

4)   chiarimenti sul “Bonus” per la valorizzazione del personale docente confluito ai sensi della legge di bilancio per il 2020 nel Fis senza vincolo di destinazione.

 In merito al punto 2) si fa presente che il D. M. 92/2019 sancisce inequivocabilmente all'art. 5 comma 2 la deroga per gli I.T.P. dei requisiti previsti dall'articolo 5, comma 2, del decreto legislativo n. 59/2017 per la partecipazione ai percorsi di specializzazione sul sostegno; requisiti richiesti solo per i concorsi sopra banditi successivamente all'anno scolastico 2024/2025. Sino ad allora rimangono fermi i requisiti previsti dalla normativa vigente in materia di classi di concorso. Lascia sconcertati la nota Miur del 7/11/2019, avente per oggetto: Indicazioni operative attivazione V ciclo TFA sostegno a firma del Direttore Generale dott.ssa Maria Letizia Melina, ove viene ricordato agli Atenei, proprio in previsione del bando, che l'art. 5 sopra menzionato non trova più applicazione in quanto trattasi di norma transitoria ignorando che lo stesso rappresenta una norma transitoria sì ma fino al 2024/2025 e che la legge n. 159/2019 del 20.12.2019 non ha modificato/abrogato il precedente decreto legislativo n. 59/2017.

Lo Snals rassicura la categoria che sarà molto vigile sulla problematica di cui sopra e che porterà all'attenzione del neo Ministro quando riterrà opportuno convocare le OO.SS.