SCUOLA


Si è tenuto in data odierna al MI l'atteso incontro sulle criticità dei contratti chiamati “ Covid “. Tra queste quella più importante ed attuale riguarda la mancata loro retribuzione fino ad oggi ed il loro costo complessivo più alto rispetto allo stanziamento ipotizzato sulla base del DI 10 agosto 2020.

Infatti, sembra che l'importo del cedolino lavorato da NoiPA è superiore di circa 150 euro all'importo previsto dalla tabella allegata al decreto prima citato. Tutto ciò aveva prodotto da parte degli UU.SS.RR. indicazioni alle scuole affinché sospendessero la sottoscrizione di nuovi contratti.

Il MI ha, però, fatto presente, illustrando un monitoraggio sui contratti finora effettuati, che non tutto lo stanziamento risulta impegnato e che vi sono ancora diverse risorse disponibili. L'Amministrazione ha, comunque, previsto una nota per gli UU. SS. RR. con cui invitarli a sanare il fabbisogno delle scuole con un’eccedenza nell'impegno di spesa, compensando con le risorse delle scuole "più virtuose"..

La delegazione Snals-Confsal ha chiesto l’immediato  pagamento degli stipendi ai supplenti in servizio. Su questo gravissimo problema del mancato pagamento degli emolumenti al personale il MI ha comunicato di avere  previsto  l'assegnazione delle relative risorse ai POS delle scuole, anche se queste non riescono a visualizzarle per un problema informatico legato all'acquisizione degli specifici codici da utilizzare nel sistema di cooperazione applicativa con NoiPA. Il MI ha già sollecitato NoiPA perchè risolva subito il problema impegnandosi per un aggiornamento della situazione alle OO.SS. nei prossimi giorni.